“Obscurity vi riempirà di mille emozioni”

Beatrice del blog Eynys Paolini ha recensito il romanzo Obscurity primo volume delle Darkness Chronicles. Ecco un estratto della sua recensione.

“Una storia unica narrata in un modo geniale che vi riempirà di mille emozioni e non riuscirete a metter a tacere il desiderio che vi divora di voler sapere sempre di più. Una storia che lascia senza fiato e fa emozionare tantissimo”.

CLICCA QUI PER LEGGERLA

Obscurity, Chiaramentelettrice: una storia coinvolgente

La recensione della blogger Chiaramentelettrice del romanzo fantasy Obscurity di Gea Petrini. La blogger che ha anche una bellissima pagina Instagram, ha messo in evidenza quelli che secondo lei sono i punti forti del romanzo.

“Gea Petrini, con il suo romanzo, ha gettato le basi per narrare una storia coinvolgente ed incalzante, ricca di personaggi che, con un linguaggio scorrevole e a volte crudo, tra colpi di scena, avventure, tradimenti e intrighi di palazzo saprà conquistare gli appassionati del genere epic fantasy”.

LEGGI LA RECENSIONE COMPLETA CLICCANDO SULL’IMMAGINE QUI SOTTO

Gea Petrini a Radio Cusano Campus in diretta da Oslo

Il 4 dicembre 2021 Gea Petrini è stata ospite di Radio Cusano Campus in collegamento da Oslo. La partecipazione è stata nella trasmissione delle giornaliste e speaker Valentina Beli e Elsa Toppi per parlare del reportage sull’aurora boreale.

Puoi ascoltare l’intervento in Radio cliccando sull’immagine qui sotto

Virginia Leoni: “Il worldbuilding di Obscurity è sensazionale”

La recensione di Virginia Leoni, giornalista e blogger del sito Le recensioni della libraia, del dark fantasy Obscurity di Gea Petrini: una immersione tra le pagine del romanzo che apre le Darkness Chronicles.

“Uno degli aspetti che più ho apprezzato di Obscurity è come l’autrice sia riuscita a dar voce a un nutrito gruppo di personaggi che nel corso della lettura stupiscono il lettore e lo travolgono con comportamenti inaspettati. Non tutto è come sembra”.

LEGGI LA RECENSIONE COMPLETA SUL BLOG! BASTA CLICCARE SULL’IMMAGINE QUI SOTTO